Condividi: Bookmark and Share
Stampa:
Data: 11/09/2022
Testata Giornalistica: IL CENTRO
    IL CENTRO

Bypass ferroviario, alto impatto: 10 km di gallerie e 4 di viadotti Assoturismo Confesercenti esamina lo studio di prefattibilità e boccia l'opera da un miliardo e mezzo

Il presidente Grimi: «Sarebbero deturpati i territori di cinque comuni senza avere nulla in cambio»


TERAMO Il bypass ferroviario che dovrebbe interessare il territorio teramano, secondo Assoturismo Confesercenti, avrà un impatto ambientale devastante sul territorio senza dare nulla in cambio alle comunità locali. Il presidente regionale dell'associazione di categoria Gianluca Grimi ha analizzato lo studio di prefattibilità e scrive in una nota: «La prima cosa da chiarire è che non si tratta di un arretramento, cosa che sarebbe anche discutibile, e che chiedono anche comuni come Francavilla, Silvi e altri, ma di un semplice bypass. Vale a dire che Giulianova vedrebbe la linea precedente nelle medesime condizioni infrastrutturali attuali con in più un'altra linea che attraverserebbe il suo territorio. Il bypass previsto infatti, nello studio di prefattibilità del Mit sarebbe lungo 16,5 km, dei quali 10,3 in galleria e 4,2 di viadotti. Il percorso inizierebbe dopo la stazione di Alba Adriatica, attraverserebbe la statale adriatica con un primo viadotto per continuare con una lunga galleria che buca la collina di Tortoreto. Lo sbocco di questo tunnel avverrebbe a ovest del viadotto autostradale del Salinello. A quel punto, un secondo imponente viadotto porterebbe la linea ferroviaria in corrispondenza di una ulteriore galleria che bucherebbe le colline di Mosciano e Giulianova fino a giungere nella zona sud ovest di quest'ultima, tra Villa Volpe e Colleranesco. Da lì, un terzo viadotto lungo oltre due km porterebbe la linea ferrata dalla parte di Cologna Spiaggia nei pressi di Colle Magnone per raccordarsi, sempre attraverso un viadotto, alla linea ferroviaria esistente in zona Borsacchio. Tutto ciò per guadagnare meno di tre minuti con un costo di un miliardo e mezzo, attualizzando i costi previsti 2021 con quelli attuali così come scrive Rfi stessa nel progetto».Per Assoturismo Confesercenti «ad inquietare profondamente a questo punto non è solo la discutibile convenienza economica del progetto, o il probabile depotenziamento dello scalo giuliese che ora è la porta della provincia di Teramo, ma soprattutto la sostenibilità ambientale dell'opera. Il bypass deturperebbe, in modo irreversibile, il paesaggio dell'intera area tra Alba Adriatica e Roseto, coinvolgendo pienamente Tortoreto, Mosciano e Giulianova. Tali località infatti si ritroverebbero a dover fornire territorio, lasciandosi deturpare il paesaggio collinare, a rendere più difficile la vita dei cittadini dei luoghi interessati, senza avere sostanzialmente nulla in cambio che non sia un danno ambientale irreversibile. No, davvero così come è posto il progetto va ampiamente ridiscusso nella migliore delle ipotesi. Se Rfi deve spendere quel miliardo e mezzo, lo può ampiamente investire nel miglioramento e nell'ammodernamento delle infrastrutture della linea esistente»

www.filtabruzzomolise.it ~ cgil@filtabruzzomolise.it



 
Federazione Italiana Lavoratori Trasporti CGIL AbruzzoMolise - Via Benedetto Croce 108 - 65126 PESCARA - Cod. Fisc.: 91016710682 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
1012846