Condividi: Bookmark and Share
Stampa:
Data: 01/09/2022
Testata Giornalistica: IL CENTRO
    IL CENTRO

Panoramica, è scontro sui soldi Gli autisti: andiamo dal prefetto. I sindacati denunciano: l'azienda sta bloccando i 400mila euro stanziati dalla Regione per i lavoratori. Anche il sindaco partecipa all'incontro tra le parti sociali e la ditta

L'azienda sarebbe disponibile a mettere in busta paga dei lavoratori i 250.000 euro lordi stanziati dalla Regione e deliberati dal Comune di Chieti a patto che le stesse maestranze firmino una espressa rinuncia al riconoscimento di una vertenza nazionale sulle ferie pregresse, accettando quale contropartita un valore simbolico di 100 euro senza aver più nulla a pretendere.


01 settembre 2022 il centro
CHIETI Promessi, ma mai arrivati, i 400mila euro stanziati dalla Regione per il trasporto pubblico teatino agitano la protesta dei dipendenti della Panoramica. Tanto che la vicenda arriva sul tavolo del prefetto Armando Forgione. A portarcela sono i rappresentanti sindacali di Filt-Cgil Franco Rolandi, Fit-Cisl Andrea Mascitti e Faisa-Cisal Luciano Lizzi. I soldi sono stati stanziati attraverso la legge regionale 33 del 28 dicembre scorso, il contributo doveva essere ripartito in 150mila euro per il ripristino delle corse tagliate dal Comune a causa dei problemi di bilancio e altri 250mila per i dipendenti della Panoramica dopo il taglio in busta paga deciso dalla società in mano alla famiglia Chiacchiaretta. La società ha infatti disdetto in maniera unilaterale tutti gli accordi aziendali della contrattazione di secondo livello (che prevede la remunerazione di determinate prestazioni lavorative) alleggerendo la busta paga dei dipendenti di circa 300 euro al mese. Sono passati otto mesi dallo stanziamento dello scorso dicembre, ma ai lavoratori non è arrivato nulla. I soldi sono ora bloccati dalla richiesta da parte della società di firmare un accordo sindacale sul pagamento delle ferie pregresse. Una sorta di «ricatto», accusano i sindacati, al quale non hanno alcune intenzione di cedere. «Le risorse garantite dalla Regione», dicono Rolandi, Mascitti e Lizzi, «sono ancora oggi inesigibili e ostaggio di un ricatto aziendale con il quale si pretenderebbe dai lavoratori e in contropartita l'espressa rinuncia a un accordo nazionale: per il sindacato tutto ciò è inaccettabile e non resta che portare il caso dal prefetto. Ha dell'inverosimile quello che è avvenuto nell'incontro di martedì tenutosi in Confindustria alla presenza del sindaco di Chieti: l'azienda sarebbe disponibile a mettere in busta paga dei lavoratori i 250.000 euro lordi stanziati dalla Regione e deliberati dal Comune di Chieti a patto che le stesse maestranze firmino una espressa rinuncia al riconoscimento di una vertenza nazionale sulle ferie pregresse, accettando quale contropartita un valore simbolico di 100 euro senza aver più nulla a pretendere a fronte di circa 2.000 euro pro capite orientativamente spettanti. Questa la "conditio sine qua non": diversamente il trasferimento di fondi della Regione non arriverebbe ai lavoratori perché a detta della società "La Panoramica non è un utero in affitto della Regione, ma è una società che deve fare impresa e non farà il passa-soldi dell'Ente». Per le organizzazioni sindacali, concludono Rolandi, Mascitti e Lizzi, «è inaccettabile». Dopo questa inevitabile rottura, il sindaco Diego Ferrara si è fatto carico di dare mandato all'ufficio legale affinché individui una procedura che permetta al Comune di Chieti di girare direttamente ai lavoratori gli oneri contrattuali sulle loro buste paga sbloccando uno stallo non più sostenibile. Ma, avvertono i sindacati, «se le cure del sindaco non riusciranno a garantire questo parto, non ci resta che intraprendere la prevista fase conciliativa della procedura vertenziale, chiamando in causa il prefetto di Chieti»

www.filtabruzzomolise.it ~ cgil@filtabruzzomolise.it



 
Federazione Italiana Lavoratori Trasporti CGIL AbruzzoMolise - Via Benedetto Croce 108 - 65126 PESCARA - Cod. Fisc.: 91016710682 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
1012839