Condividi: Bookmark and Share
Stampa:
Data: 12/10/2022
Testata Giornalistica: IL CENTRO
    IL CENTRO

Panoramica, sospesa la vertenza «La Regione chiarirà sui fondi» Congelato per 20 giorni il braccio di ferro tra dipendenti e azienda sulla destinazione di 400mila euro. La vertenza. Criticità iniziate con i tempi di percorrenza

Febbo (FI) chiede l'interpretazione della legge che ha stanziato quei soldi per il ristoro dei lavoratori


CHIETI Tutto ancora sospeso. Per almeno altri 20 giorni la vertenza della Panoramica resta congelata. L'incontro di ieri in prefettura si è chiuso con la decisione di attendere un chiarimento da parte della Regione sulla destinazione dei 400mila euro stanziati. Soldi destinati al trasporto pubblico teatino e, in particolare ai dipendenti della Panoramica: tutto abbastanza chiaro sia per la Regione che per il Comune. Non ugualmente chiaro però per la dirigenza della Panoramica. E, tempo 20 giorni, arriverà un chiarimento. Il consigliere regionale Mauro Febbo (FI), presente al tavolo, ha infatti avanzato la proposta di far arrivare dalla Regione un documento ufficiale che contenesse l'interpretazione autentica della legge regionale che ha stanziato i soldi. L'interpretazione dovrà chiarire, una volta per tutte, come ripartire i 400mila euro.
L'INCONTRO IN PREFETTURA Si è svolto ieri mattina con la coordinazione del viceprefetto Valentina Italiani. Erano presenti Sandro Chiacchiaretta per la Panoramica, un esponente di Confindustria e i rappresentanti sindacali di Filt Cgil, Fit Cisl e Faisa Cisal che hanno chiesto e ottenuto la presenza anche degli enti interessati. Per la Regione c'erano Febbo e il sottosegretario con delega ai trasporti Umberto De Annuntiis; per il Comune c'era il sindaco Diego Ferrara. Sia il Comune che la Regione si sono espressi in favore dei lavoratori, specificando cioè che i 400mila euro stanziati dalla Regione a dicembre scorso, dovevano servire anche per ristorare i dipendenti dell'azienda di trasporto, dopoché a novembre del 2020 la dirigenza aziendale aveva deciso di disdire gli accordi di secondo livello, cosa che si è tradotta in circa 300 euro in meno in busta paga al mese. La dirigenza della Panoramica ha deciso, però, di mettere di mezzo anche l'accordo sul pagamento delle ferie pregresse, senza il quale non avrebbe acconsentito a ripartire i fondi ai lavoratori. I sindacati si sono subito opposti, sostenendo che la vertenza sul pagamento delle ferie pregresse non avesse nulla a che fare con i 400mila euro della Regione.
LA POSIZIONE DEL COMUNE Ferrara ha ricordato come il Comune, «atteso che i fondi fossero disponibili, con delibera dell'aprile 2022 ha determinato la ripartizione delle poste in 150.000 euro per integrazione delle corse e i rimanenti 250.000 da destinare a copertura degli oneri contrattuali verso i dipendenti». Il sindaco ora spera che «una volta ufficializzata la lettura ufficiale della norma, mi auguro in tempi brevi, la vertenza giunga a una necessaria composizione». Nel corso dell'ultimo consiglio comunale del 3 ottobre, inoltre, il Comune aveva annunciato la scadenza del 30 ottobre per permettere alle parti per arrivare a un accordo.
LA POSIZIONE DEI SINDACATI «Per quanto ci riguarda, la vertenza al momento è stata sospesa», spiega Franco Rolandi (Filt Cgil), che sta portando avanti da tempo la battaglia insieme ad Andrea Mascitti (Fit Cisl ) e Luciano Lizzi (Faisa Cisal), «abbiamo 20 giorni o anche un mese di tempo, poi saremo noi stessi a interessare la prefettura per tirare le conclusioni di questo ulteriore periodo di tempo. Al momento il risultato finale non si vede ancora. Ma siamo contenti che si stia andando a fondo per arrivare alla verità sostanziale dei fatti, che qualcuno avrebbe voluto in qualche modo oscurare. È chiaro che la Regione sin dall'inizio è intervenuta con lo stanziamento dei 400mila euro per venire incontro ai lavoratori, che avevano avuto un danno economico. Ugualmente il Comune con una delibera in cui aveva specificato quale dovesse essere la somma che sarebbe dovuta arrivare ai lavoratori».

12 ottobre 2022 il centro ch

La vertenza. Criticità iniziate con i tempi di percorrenza
La Panoramica, gestita dalla famiglia Chiacchiaretta, opera nel settore del trasporto pubblico e noleggio autobus da oltre 60 anni. Dà lavoro a un centinaio di dipendenti e conta su una flotta di una quindicina di mezzi che percorrono circa 8mila chilometri al giorno. L'azienda non gestisce solo il trasporto pubblico cittadino ma percorre anche le strade italiane ed europee. Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale, le criticità sono iniziate con il problema dei tempi di percorrenza, che secondo gli autisti dei bus non sono più adeguate e devono essere riviste. Ma la vertenza si è notevolmente acuita quando, a novembre del 2020, l'azienda ha cancellato gli accordi della contrattazione di secondo livello, tagliando circa 300 euro dagli stipendi. Un'altra criticità lamentata dai sindacati riguarda i carichi di lavoro degli autisti, aumentati soprattutto a seguito dei nuovi turni, scattati a causa dei tagli imposti dal Comune. Il mancato accordo sul pagamento delle ferie pregresse è, infine, un ulteriore terreno di scontro sindacale.

www.filtabruzzomolise.it ~ cgil@filtabruzzomolise.it



 
Federazione Italiana Lavoratori Trasporti CGIL AbruzzoMolise - Via Benedetto Croce 108 - 65126 PESCARA - Cod. Fisc.: 91016710682 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
1012972