Condividi: Bookmark and Share
Stampa:
Data: 03/08/2022
Testata Giornalistica: IL MESSAGGERO
    IL MESSAGGERO

Pd, l’accordo con Calenda apre a nuove candidature in Abruzzo

PESCARA Anche in Abruzzo si annuncia come la grande novità della campagna elettorale.E ora l’accordo sottoscritto a Roma tra Pd, Azione e +Europa, scatena la corsa al centro nell’ex “isola bianca”. C’è da aspettarsi che proprio attorno al partito di Carlo Calenda si apra, già in queste ore, la caccia al seggio. Che anche sul territorio dovrà tenere però conto della ripartizione decisa a livello nazionale: 70% al Pd, il restante 30% distribuito tra Azione e + Europa. Nel listino bloccato dei collegi plurinominali, dove i parlamentari sono eletti con il metodo proporzionale, l’apertura del partito di Enrico Letta a Calenda potrebbe fare scattare la candidatura alla Camera del vice sindaco di Chieti, Paolo De Cesare o del consigliere regionale Sara Marcozzi, ex Movimento 5 stelle, che assieme al senatore uscente, Primo Di Nicola e all’altro parlamentare Gianluca Vacca, ha accompagnato la virata “governativa” di Luigi Di Maio, causata dal benservito di Conte a Mario Draghi. Dall’intesa a tre di ieri resta però fuori Italia Viva, il partito di Matteo Renzi che in Abruzzo ha come referente il deputato teatino Camillo D’Alessandro (foto). La mancata nascita del terzo polo mette adesso Iv di fronte a un grande rischio: l’obbligo di dover correre da sola, scontrandosi con lo sbarramento del 3% imposta dalla legge elettorale, che sarebbe come inerpicarsi a mani nude sul Gran Sasso. Lo stesso D’Alessandro contava per altro nella candidatura bis a Chieti, il suo collegio, ora affollatissimo. Ma la mancata nascita del terzo polo crea non pochi disagi anche nel campo del centrodestra. Dove, con la riduzione del numero dei parlamentari che assegna all’Abruzzo soltanto 13 tra senatori e deputati (contro i 21 eletti nel 2018), viene sbilanciato enormemente il rapporto tra domanda e offerta. Così, chi non aveva trovato accoglienza nelle liste di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, confidava di trovare albergo nella squadra di Calenda, con gli ex ministri Carfagna e Gelmini a fare da garanti contro eventuali “derive” a sinistra. L’intesa col Pd ha cambiato tutto.


www.filtabruzzomolise.it ~ cgil@filtabruzzomolise.it



 
Federazione Italiana Lavoratori Trasporti CGIL AbruzzoMolise - Via Benedetto Croce 108 - 65126 PESCARA - Cod. Fisc.: 91016710682 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
1012879