Condividi: Bookmark and Share
Stampa:
Data: 23/03/2020
Testata Giornalistica: IL CENTRO
    IL CENTRO

Un milione di mascherine Le prime arrivano giovedì Sono destinate al personale sanitario nei settori di emergenza e a più alto rischio Marsilio: ottenuta, a uno dei migliori prezzi di mercato. Come si debbono usare e quali sono le differenze

La cittadinanza non deve indossare mascherine con valvola perché possono diffondere il contagio, ma quelle chirurgiche che assorbono le esalazioni.


L'AQUILA Un milione di mascherine in arrivo in Abruzzo. L'annuncio è stato dato dal presidente della Regione, Marco Marsilio, che ha spiegato anche come verranno distribuiti i dispositivi di sicurezza individuale, necessari alla salvaguardia del personale sanitario. «La regione Abruzzo, attraverso il servizio di emergenza della protezione civile, ha stipulato un contratto per la consegna di un milione di mascherine, di tipologia FFP3 e FFP2», ha spiegato Marsilio, «al fine di garantire la sicurezza personale degli operatori sanitari e di tutte le persone che, in questo periodo di emergenza dovuto ala diffusione del coronavirus, risultano a rischio professionale».Le mascherine sono state acquistate dopo un ampio monitoraggio e valutando le disponibilità della fornitura. «Su specifico incarico della Protezione civile, la centrale di committenza dell'Aric, è riuscita a ottenere, a uno dei migliori prezzi di mercato, una fornitura imponente, nonostante le difficoltà di reperimento e l'aumento dei prezzi per le contingenze emergenziali», fa sapere il presidente della Regione, «la merce dovrebbe essere disponibile in tempi molto brevi, salvo problematiche dovute al trasporto». Stando alla tabella di marcia indicata dalla Regione, la prima tranche, di 700mila mascherine, sarà consegnata giovedì prossimo (26 marzo); nei giorni successivi verrà completata la fornitura, anche se non sono state indicate con precisione le altre date di consegna dei dispositivi. «Si tratta di un importante risultato raggiunto grazie all'Aric, in un momento in cui è forte il rischio di trovarsi di fronte a possibili truffe e a prezzi fuori mercato, vista l'imponente richiesta», ha osservato Marsilio, «l'obiettivo del Servizio di emergenza della Protezione civile è quello di garantire, a chi opera nel settore della sanità e in altri settori strategici della Regione, la massima sicurezza durante lo svolgimento del lavoro».I dispositivi di sicurezza del tipo FFP3 e FFP2 saranno destinati al personale sanitario in servizio nelle diverse strutture, con particolare riferimento ai settori di emergenza e a più alto rischio, oltre che in tutti quei comparti strategici per lo svolgimento delle diverse mansioni sanitarie. La disponibilità di mascherine e di dispositivi di protezione individuale era stata sollecitata, nei giorni scorsi, anche dal presidente dell'Ordine dei medici della provincia dell'Aquila, Maurizio Ortu, e da diversi dirigenti dei presidi ospedalieri abruzzesi, che si trovano a dover affrontare casi di Covid-19.

Come si debbono usare e quali sono le differenze

L'AQUILA Come si utilizzano le mascherine protettive? Quale tipologia è più efficace e quando vanno indossate obbligatoriamente? Il ministero dell'Interno ha diffuso un vademecum "sull'utilizzo delle mascherine", predisposto dall'agenzia formativa Asso.forma. Consigli utili a capire come muoversi per tutelare la propria salute. Le mascherine con valvola non vanno utilizzate da tutti, in quanto possono contribuire a diffondere il contagio. Per la popolazione, meglio quelle chirurgiche che assorbono e trattengono le esalazioni.
COME UTILIZZARE LE MASCHERINE. L'Asso.forma, considerando la carenza di forniture di dispositivi di protezione individuale disponibili al momento, consiglia di farne uso secondo una scala di priorità. Il modello FFP3, con valvola di esalazione, serve esclusivamente nei reparti di terapia intensiva degli ospedali, dove sono presenti pazienti certamente contagiati. Quello FFP2, con valvola di esalazione, è utile per i soccorritori, in quanto vengono a contatto con persone e pazienti potenzialmente contagiati. Le mascherine FFP2, senza valvola, vengono date in dotazione alle forze dell'ordine solo in caso di emergenza e ausilio ai soccorritori, perché devono essere protetti, ma non rischiare di contagiarsi tra di loro. Lo stesso tipo di mascherina, sempre senza valvola, è utile per i medici di famiglia e le guardie mediche. In alternativa può essere utilizzate la FPP2 con valvola «ma», ricorda l'agenzia Asso.forma, «la valvola è di aiuto a chi è costretto a utilizzarla per lungo tempo in presenza di un paziente potenzialmente malato. I medici potranno utilizzare la mascherina chirurgica sopra a quella FFP2 con valvola, abbinandole, per limitare la diffusione della loro esalazione dalla valvola».
MASCHERINE CHIRURGICHE. Chi deve utilizzare le mascherine chirurgiche in questo periodo di emergenza da Covid-19? Tutta la popolazione che circola, chi lavora o è costretto a lavorare, le forze dell'ordine, i dipendenti degli uffici aperti al pubblico, gli addetti alla vendita degli alimentari e, in ogni caso, tutte le persone e i lavoratori in circolazione, fuori dalla propria abitazione. A queste indicazioni il ministero dell'Interno aggiunge la consueta raccomandazione di restare, per quanto possibile, a casa ed evitare spostamenti. «Al personale ospedaliero e delle strutture sanitarie, medici e infermieri», secondo il vademecum di Asso.forma, «quando gli stessi non sono in reparto è consigliabile utilizzare la mascherina chirurgica. In alternativa, se disponibili, i modelli FFP2 e FFP3, ma senza valvola o con l'aggiunta della mascherina chirurgica davanti alla valvola, per limitare al massimo la diffusione del contagio. FPP2 E FPP3. Dalla valvola della mascherina fuoriescono le esalazioni. Pertanto, le FFP2 e FFP3 sono assolutamente sconsigliate per la popolazione, per le forze dell'ordine, per tutti i reparti alimentari o banchi del fresco e per gli uffici aperti al pubblico, in quanto aumenterebbero il rischio di contagio, secondo Asso.forma. Le devono utilizzare, invece, i reparti di terapia intensiva e infettivologia e i soccorritori che hanno maggiori contatti con pazienti contagiati. Le mascherine FFP2 e FFP3 senza valvola sono indicate, infine, per le forze dell'ordine, ma solo per interventi di emergenza, in abbinamento a occhiali e guanti monouso. La cittadinanza non deve indossare mascherine con valvola perché possono diffondere il contagio, ma quelle chirurgiche che assorbono le esalazioni.

www.filtabruzzomolise.it ~ cgil@filtabruzzomolise.it



 
Federazione Italiana Lavoratori Trasporti CGIL AbruzzoMolise - Via Benedetto Croce 108 - 65126 PESCARA - Cod. Fisc.: 91016710682 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
0744858