Bookmark and Share
Data: 20/06/2023

SEMAFORI T-RED, INTERVENGONO LE PREFETTURE. I COMUNI SI APPRESTANO AD INSTALLARE I DISPOSITIVI COUNTDOWN PREVISTI DAL DECRETO MINISTERIALE AL FINE DI RIDURRE L’INCIDENTALITÀ STRADALE (E ANCHE LE MULTE).

SEMAFORI T-RED, INTERVENGONO LE PREFETTURE. I COMUNI SI APPRESTANO AD INSTALLARE I DISPOSITIVI COUNTDOWN PREVISTI DAL DECRETO MINISTERIALE AL FINE DI RIDURRE L’INCIDENTALITÀ STRADALE (E ANCHE LE MULTE).

E la Prefettura di Chieti ringrazia la Filt Cgil per aver posto la questione. GUARDA I SERVIZI TRASMESSI DALLE EMITTENTI TELEVISIVE 

RAI TGR ABRUZZO - RETE8  - TVSEI - LAQTV -


La Filt Cgil Abruzzo Molise qualche mese fa è scesa in campo per denunciare un utilizzo diffuso e forse eccessivo da parte delle Amministrazioni Comunali dei cosiddetti T-Red, ovvero dispositivi di videoregistrazione per lo più utilizzati nelle aree urbane ove persistono incroci regolati da semafori e con i quali vengono rilevati e di conseguenza sanzionati amministrativamente tutti coloro che commettono infrazioni di passaggio con il semaforo rosso (e non solo). Un fenomeno diffuso a macchia d’olio in tutta la Regione e che ha indotto nello scorso mese di marzo, la categoria della Cgil che rappresenta e tutela i lavoratori dei trasporti ad evidenziare formalmente alle Prefetture e ai Presidenti delle quattro province abruzzesi nonché al Presidente dell’Anci Abruzzo, il disagio e l’insicurezza che tali dispositivi, in virtù della tempistica alquanto breve che caratterizza la durata della luce gialla semaforica, sono in grado di arrecare soprattutto tra gli i addetti del settore, ovvero conducenti di autobus, di autoarticolati o autosnodati e che attraversano gli incroci semaforici con mezzi che possono arrivare a superare anche i 18 metri di lunghezza.

La Filt Cgil si è rivolta alle Istituzioni per chiedere l’applicazione di un apposito Decreto del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 27 ottobre 2022 ed entrato in vigore dal 15° giorno successivo, ovvero dall’11 novembre 2022 e che individua le caratteristiche, i requisiti, le modalità e i termini per l’installazione dei dispositivi countdown nei semafori stradali oltre a definire gli ambiti di applicazione relativamente agli impianti semaforici nuovi ed esistenti, e anche i casi in cui l’installazione dei countdown è obbligatoria o a discrezione degli enti proprietari o gestori delle strade.

L’esposto della Filt Cgil ha trovato un immediato riscontro da parte della Prefettura di Chieti ovvero una delle province nelle quali è maggiormente diffuso il fenomeno. Il Prefetto Della Cioppa ha infatti dapprima sollecitato l’organizzazione sindacale a fornire una mappatura del fenomeno nel territorio di competenza e poi, a stretto giro, ha provveduto a convocare lo scorso 26 maggio il Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica (*) cui hanno preso parte oltre alla stessa Filt Cgil Abruzzo Molise rappresentata dal Segretario Aurelio Di Eugenio, i sindaci dei comuni interessati dal fenomeno, nonché i dirigenti della polizia stradale ed altre autorità.

Ed è stato lo stesso dirigente della polizia stradale a confermare la sussistenza di diversi punti critici “riconoscendo i possibili disagi lamentati” e auspicando l’installazione di countdown in grado “di risolvere la problematica totalmente”. Ancora più perentorie sono state le conclusioni della Prefettura di Chieti che nel prendere atto della piena disponibilità ad intervenire manifestata sia dal Sindaco di San Giovanni Teatino Di Clemente che dall’amministrazione di Vasto (due dei comuni maggiormente coinvolti dal fenomeno), ha dapprima ringraziato la Cgil che ha posto la questione e ha conseguentemente condiviso “l’opportunità di prevedere l’integrazione degli impianti esistenti e di quelli futuri con il cosiddetto countdown che permette, attraverso una visibilità adeguata all’utenza, di poter allineare la marcia di avvicinamento e successivo eventuale arresto o attraversamento dell’incrocio in sicurezza, perseguendo così il duplice obiettivo di procedere ad una riduzione dell’incidentalità dovute a frenate improvvise, da una parte alla riduzione della velocità nel suo complesso, dall’altra”.

Il solerte intervento della Prefettura di Chieti che ringraziamo per l’attenzione e la disponibilità manifestata alla problematica sollevata dall’organizzazione sindacale dei lavoratori, produrrà degli indubbi benefici che non andranno ad interessare soltanto i lavoratori dei trasporti ma più in generale tutti i comuni cittadini che hanno avuto a che fare con presunti abusi commessi a volte da alcune amministrazioni comunali.

Ovviamente la Filt Cgil AbruzzoMolise provvederà immediatamente a trasmettere per conoscenza il verbale del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica alle altre Prefetture (Pescara, Teramo e L’Aquila) con le quali si sono avute al momento soltanto delle interlocuzioni informali.

E’ del tutto evidente che la corretta applicazione di un dispositivo ministeriale non possa riguardare soltanto la Provincia di Chieti.

(*) DI SEGUITO ESTRATTO DEL VERBALE DEL COMITATO PROVINCIALE PER L’ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA

FILT CGIL ABRUZZO MOLISE COMUNICATO STAMPA T RED INTERVENGONO LE PREFETTURE Pagina 3

FILT CGIL ABRUZZO MOLISE COMUNICATO STAMPA T RED INTERVENGONO LE PREFETTURE Pagina 4

FILT CGIL ABRUZZO MOLISE COMUNICATO STAMPA T RED INTERVENGONO LE PREFETTURE Pagina 5

 


www.filtabruzzomolise.it ~ cgil@filtabruzzomolise.it



 
Federazione Italiana Lavoratori Trasporti CGIL AbruzzoMolise - Via Benedetto Croce 108 - 65126 PESCARA - Cod. Fisc.: 91016710682 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
1362881